Un po' di Noi


      foto by Roberta Savolini

Un albero cresce da  piccoli germogli. Tutti i germogli sono le forze della terra, che lottano per restare in equilibrio ed in armonia con le forze cosmiche.

 

 

 

 

 Team Kids Shou BO

 

 

 

 

 

 


Associazione Shou Bo Italia 


 

 

Da più di 25 anni l’Associazione Shou Bo Italia promuove lo studio della cultura, della filosofia nonché della pratica sportiva educativa delle Arti Marziali Cinesi non solo nelle città di Lodi, Crema, Melegnano e Bertonico, ma anche in diverse città d’Italia, d’Europa ed Internazionali attraverso il “Progetto Shou Bo” ed ai contatti instaurati in questi anni con i Corsi di Formazione per Istruttori attivi dal 1993.   

 

  Attenta all’evoluzione delle Arti Marziali e degli sport da combattimento, l’Associazione propone, ormai da parecchi anni, una forma di combattimento antico nelle sue origini e globale nelle sue possibilità, nel quale vengono utilizzate sia le tecniche tipiche di percussione del Kung Fu Wushu che quelle di prese e proiezioni della Lotta Cinese Tradizionale. 

 

 


il nostro Maestro Yuan Zumou


Maestro Yuan Zumou è nato nel 1940 a Jiangsu, presso  Shanghai.  Ha iniziato a studiare giovanissimo le Arti Marziali Cinesi (boxe di Shao Lin, Shuai Jiao, Tai Ji Quan) con dei professori rinomati.   
Nel 1958, viene ammesso all’Istituto degli Sport di Shanghai. Si specializza nelle discipline che prevedono un ampio ricorso alle prese : Shuai Jiao, Lotta Greco-Romana, Lotta Libera.   
Nel 1965 è campione di Cina di Lotta. Alternativamente alla sua carriera agonistica, prosegue gli studi di educazione fisica e sportiva conseguendo il professorato.  
 
Poco dopo, la Commissione Nazionale dell’Educazione Fisica e degli Sport di Cina gli conferisce il titolo di Maestro (运动健将 n° 5306).  Diventa allora allenatore di Shuai Jiao e prepara, a sua volta, diversi campioni di Cina.

 
Nel 1987, si stabilisce in Francia e insegna lo Shuai Jiao. Oltre che nell’esagono, forma numerosi professori in Europa (Spagna, Italia, Svizzera, Olanda, Polonia…) ed in Africa del Nord (Marocco, Algeria, Tunisia...). e in molte altre nazioni del mondo International Federation of Shou-Bo -.
   
Al fine di ampliare l’esperienza dei suoi allievi, organizza degli stage in Cina assieme ad altri professori e mette in opera degli incontri internazionali di Shuai Jiao. Fa inoltre approfittare i suoi studenti della propria conoscenza di Tai Ji Quan, che egli ritiene connesso a tutte le discipline di combattimento cinesi.  
 
A partire dal 1998, il Maestro Yuan Zumou, soddisfatto del livello raggiunto dai suoi allievi di Lotta Cinese, propone di riallacciare la tradizione cinese e di combinare, in una dinamica educativa e sportiva, le tecniche di boxe e di lotta.  

  
Egli vuole che questa dimensione sportiva sia fondamentalmente non violenta.
Insoddisfatto dalle regole del Sandà, progetta un quadro regolamentare più rispettoso dell’atleta e propone delle competizioni di Shou Bo.  
 
In questo, rende nuovamente attuale un' antichissima disciplina di combattimento cinese e l’adatta, in parte, allo scenario sportivo contemporaneo.  
 
A partire dal 2000, vengono organizzate competizioni nazionali ed europee.

Nel luglio 2005, su richiesta di numerosi responsabili di università cinesi di scienze dello sport (Shanghai, Chang Chun e Xian), una delegazione francese, inquadrata dal Maestro Yuan Zumou, presenta, con successo, le modalità dello Shou Bo moderno sul territorio cinese.

Shou Bo

L’Arte delle prese e delle proiezioni  nel combattimento a mani nude


 Lo Shou Bo è un nuovo combattimento sportivo molto competitivo, che è stato progettato attraverso la meditazione e la pratica delle tecniche di combattimento. Come Arte Marziale lo Shou Bo è l’espressione opposta alla violenza ed alla brutalità, promuove invece la dimostrazione di stile, la rapidità, l’eleganza e la maestria. 

 

Come approccio alla salute e per sviluppare il potenziale fisico del corpo umano, lo Shou Bo controlla ogni movimento con una chiara consapevolezza, che richiede sia una mente calma che un corpo rilassato per facilitare un lavoro di armonia con un partner. 

 

Questa Disciplina Sportiva, che attinge dalle sorgenti delle tecniche del combattimento a mani nude cinesi, è un fantastico mezzo educativo. 

 

 Fondamentalmente orientato verso la non violenza, lo Shou Bo ha come obiettivo di trasformare lo spirito competitivo in una profonda riflessione sulle tecniche e sulla loro efficacia, piuttosto che sviluppare l’aggressività dei combattenti, il praticante, grazie alla pratica, acquisisce il gusto per lo sforzo, l’autostima, il rispetto degli altri e dell’educatore.